Browsing Category

Primi Piatti

image_pdfimage_print
Primi Piatti, Senza categoria

La polenta Taragna con salsiccia e funghi, il piatto per eccellenza Valtellinese

La polenta Taragna con salsiccia e funghi è il piatto per eccellenza Valtellinese

Nel mio ultimo post vi ho raccontato la nostra esperienza al B&B la Corte di Nonna Gemma a Delebio  dove abbiamo passato un week end all’insegna del relax, dei profumi e dei sapori della Valtellina.

Maura, Stefano e Achille ci hanno accolto nella loro casa privata per farci gustare un piatto Valtellinese.

A dir la verità quando l’ho scoperto ho pensato “o mammmmma e ora cosa mangio? L’ultima e forse l unica volta che ho assaggiato la polenta risale a praticamente 30 anni fa quando ero addirittura all’asilo.

Magari non ci crederete ma è davvero così! Saranno le mie origini calabresi ma non è proprio un piatto di casa.

Per fortuna che siamo in Valtellina e i nostri nuovi amici ci vogliono proporre la Polenta Taragna con Farina di granoturco rossa della Valtellina con un sugo di salciccia e funghi.

Tra un sorso di buon vino e tante risate, la cucina profuma di buono!

Un profumo di formaggi, un sugo salsiccia e funghi che invade tutta la cucina e che sprigiona un profumo pazzesco!

La polenta Taragna il piatto per eccellenza Valtellinese

 

Per preparare la Polenta Taragna abbiamo utilizzato la Farina Rossa di Valtellina prodotta dall’Azienda Mulino Scotti & C.  di Delebio.

E’ una Farina di Granoturco Macinata a Pietra Qualità superiore – produzione Limitata

La miscela di questa farina è caratterizzata dal colore scuro che deriva dalla presenza della farina di grano saraceno, è perfetta per tantissime preparazioni sia dolci che salate.

Il mulino dell’Azienda è ad acqua. 

Il prodotto viene confezionato sottovuoto.

 

Farina di granoturco Rossa di Valtellina Molino Scotti & C Delebio

L’Azienda Scotti Dante & C. snc è sia un MULINO  per la Produzione delle farine

che PASTIFICIO  per la produzione dei pizzocheri e dei gnocchetti.

Fondata dal Sig. Dante è ora seguita dai due figli che hanno voluto seguire la tradizione familiare.

Ecco la ricetta

Polenta Taragna con salsiccia e funghi

Ingredienti per 6 persone

  • 4 litri di acqua
  • 1 kg. di farina di Grano Turco Rossa di Valtellina Macinata a pietra (Qualità Superiore Molino Scotti Delebio )
  • 250 gr. di burro
  • 600 gr. di formaggio Casera Dop
  • sale grosso q.b.

Ingredienti per il sugo della Polenta Taragna

  • 1 litro e mezzo di salsa di pomodoro
  • 8 salsicce
  • 250gr di funghi

Preparazione del sugo 

  1. Cuocete in forno preriscaldato per 20 minuti le salsicce senza aggiungere olio.
  2. Successivamente in un tegame largo fate rosolare i fughi e la salsiccia per qualche minuto.
  3. Aggiungete la salsa, il sale qb e fate cucinare a fuoco lento per circa 1 ora.

sugo per La polenta Taragna

Preparazione della Polenta Taragna

  1. In un paiolo portare a ebollizione l’acqua salata. Quando l’acqua ha raggiunto l’ebollizione abbassate il fuoco
  2. Aggiungete la farina poco per volta, continuando a mescolare con una frusta facendo molta attenzione che non si formino grumi.
  3. Se avete il Paiolo elettrico azionatelo per un’ora, altrimenti continuare a mescolare per tutto il periodo di cottura, circa un’ora.
  4. La polenta sarà cotta quando si staccherà da sola dalle pareti.
  5. In questo momento potete aggiungere il burro e il formaggio a pezzettini e proseguire la cottura per circa cinque minuti fino a che burro e formaggio non saranno ben sciolti.

 

 

La polenta Taragna il piatto per eccellenza Valtellinese

La polenta Taragna il piatto per eccellenza Valtellinese

La  polenta va subito servita molto calda.

La polenta Taragna il piatto per eccellenza Valtellinese

Mai mangiata una polenta cosi buona!

Essendo un piatto cosi completo può tranquillamente esser servita come “piatto unico” farete felici grandi e piccini.

 

Buon appetito e alla Nostra prossima Avventura ^-^

Se ti fa piacere segui la nostra pagina  facebooke   instagramper essere sempre aggiornato

tra CONSIGLI RICETTE E VIAGGI DI SAPORI! 

Zucchero e Valigia

Bimby, Natale, Pesce, Primi Piatti

Linguine gamberi e crema di pistacchi

Linguine gamberi e crema di pistacchi è un perfetto piatto da preparare per la Vigilia di Natale ma non solo. 

Un piatto semplice da preparare. Prima di tutto unite pistacchi e  parmigiano in un mixer, su un tegame rosolare i gamberi insieme ai pomodorini con un filo d’olio e uno spicchio d’aglio.

Dopo circa 10 minuti eliminare l’aglio e tritate tutto per ottenere una deliziosa cremina.

Nel frattempo cuocete la pasta con acqua salata, infine scolatela e termiante la cottura direttamente sul tegame.

Amalgamare la crema di gamberoni insieme al mix di polvere di pistacchio.

Un piatto davvero semplice ma dal sapore inconfondibile.

Quindi sono riuscita a convincervi? Linguine gamberetti e crema di pistacchi

5 da 1 voto
Linguine gamberi e crema di pistacchi
Preparazione
10 min
Cottura
8 min
Tempo totale
18 min
 

Un semplice piatto con gamberoni e crema di pistacchi. 

Porzioni: 4 persone
Chef: Selene Mazzei
Ingredienti
Ingredienti
70gr di pistacchi non salati
20gr di parmigiano
aglio
150gr di olio
15 gamberoni sgusciati
8 pomodorini pachino
400 gr di linguine
qb sale
Istruzioni
  1. Inserire nel bimby i pistacchi e il parmigiano  tritare 10 sec. vel 7 e mettete da parte

  2. Aggiungete l'olio, l'aglio e rosolate 3 min. 100° vel Soft aggiungete i gamberoni e pomodorini cuocete 15 min 100° vel Soft antiorario.
  3. Eliminate l'aglio. Mettete da parte 4 gamberoni  che seriviranno per decorare il piatto. Chiudete il boccale e tritate i gamberoni rimasti 10 sec. vel. 7.


  4. Cuocete le linguine in acqua salata, scolate e versate la crema di gamberoni e pomodorini e il mix di polvere di pistacchio.

  5. Amalgamate tutto nel tegame o direttamente nel bimby per 30 secondi.
  6. Preparate il piatto, posizionate due gamberi e decorate con menta e polvere di parmigiano e pistacchi. 

    Buon appettito.

 Se siete alla ricerca di altri piatti per NATALE

Vi consiglio

 Spaghetto-quadrato-la-molisana-ai-frutti-di-mare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mezze-maniche-cozze-e-ceci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fregola-sarda-con-pomodorino-pachino-e-scampi

Spaghetto-quadrato-con-pannocchie-vongole-gamberi-argentini-e-pangrattato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per il dessert

Semifreddo alla nocciola 

 

Tartufini-di-cioccolato-al-caffe-con-polvere-di-cacao-cocco-rape-o-pistacchio

Alberelli-di-pandoro-farciti-con-crema-mascarpone-e-gocce-di-cioccolato

 A voi la scelta

Buone feste da Zucchero e Valigia 

 

Se ti fa piacere, segui la nostra pagina  facebook  instagram

per essere sempre aggiornato/a

tra CONSIGLI – RICETTE E VIAGGI DI SAPORI! 

Zucchero e Valigia

 

 

Pasta fresca, Primi Piatti, ravioli

I ravioli di Masha e Orso

I ravioli di Masha e Orso con pasta fresca sono farciti con carne macinata e scamorza perfetti per tutti i bambini che amano mangiare bene come Masha.

Erano mesi e mesi, che pensavo di creare insieme alla mia piccola, questi bellissimi ravioli.

Credo, che tutti più o meno, abbiate capito chi è la protagonista. Una piccola monella che fa impazzire Orso, tanto dolce però, che basta un suo sguardo per riuscire subito a conquistarlo.

masha-orso

Masha e Orso è la serie animata più amata del momento, praticamente in tutto il mondo, ha conquistato il cuore di grandi e piccini con le divertenti avventure dei due protagonisti, riuscendo ad arrivare alla diciottesima edizione.

Proprio nell’Episodio 24: “Buon Appettit”

Il lontano nipote di Orso, il Panda, è tornato a salutare Orso. Tutti e due decidono di preparare un piatto tipico della cucina cinese, i Wonton, molto simili ai ravioli. Sono palline di pasta ripiene di carne macinata. Masha arriva durante la preparazione e vuole aiutarli a preparare i ravioli ma conbina come sempre tanti pasticci.

Si manifesta anche la rivalità tra Masha e il Panda. Dopo tanti pasticci riescono finalmente a terminare il lavoro e mangiare con piacere.

Per preparare i ravioli di Masha e Orso ho utilizzato un impasto che mi aveva già dato molta soddisfazione

(clicca qui VEDERE I MIEI FAGOTTINI CREMA DI NOCI GORGONZOLA E PORCINI ) 

Un impasto che tiene bene la forma e non si apre in cottura.

Due piccoli consigli riguardo la pasta fresca: 

Tutti consigliano ogni 100gr di farina aggiungi 1 uovo.

Ed il “gioco” è fatto.

Si, da tradizione è cosi, ma esistono ormai tante tecniche e informazioni preziose per ottenere una pasta resistente, elastica e perfetta per ogni tipo di piatto che vogliamo creare.

Ho provato quindi, diverse soluzioni, prima di ottenere quella giusta per i ravioli  con la Farina GranPasta Petra di Molino Quaglia.

Una farina accuratamente bilanciata studiata per ricette con e senza l’uso di uova, per la lavorazione a mano oppure con macchinette per la pasta, fragrante, elastica che non perde la sua consistenza e il suo colore durante la cottura.

I Ravioli di Masha e Orso con carne macinata e scamorza

I famosissimi ravioli di Masha con carne macinata e scamorza. Un piatto che farà impazzire i vostri bimbi

Chef: Selene Mazzei
Ingredienti
Ingredienti per la Pasta Fresca
300 gr di farina Gran pasta Petra
3 uova
1 albume (per rendere piu elastica la pasta)
sale q.b
Per il ripieno
250 gr di carne macinata
50 gr di scamorza
Per il condimento
4 pomodorini
200 gr di carne macinata
olio extra vergine di oliva
  • qb cipolla rossa
  • qb sale fino
Istruzioni
Procedimento per la pasta fresca A MANO
  1. Su una spianatoia in legno formate una fontanella con la farina setacciata.

  2. Formate un buco al centro con le dita.
  3. Su un piatto fondo rompete le uova e un albume e mescolate bene con una forchetta.
  4. Incorporate delicatamente all’interno della fontanella le uova e aggiungete un pizzico di sale.

  5. Lavorate con le mani l’impasto prima dal centro, poi dall’ esterno verso l’interno amalgamando bene tutta la farina, fino a ottenere un panetto liscio e compatto.
  6. Avvolgete la pasta ottenuta nella pellicola trasparente e lasciatela riposare per circa 30 minuti in un luogo fresco e asciutto.

  7. Trascorso il tempo del riposo, la pasta risulterà più morbida ed elastica pronta per essere lavorata.
  8. Prima di iniziare a lavorare la pasta, con le dita fate una leggera pressione per appiattire il vostro panetto.

  9. Ora dividete in 4 il vostro panetto e iniziate a sfogliare la vostra pasta con l’aiuto della “nonna papera”.

  10. Ricordatevi di tenete sempre coperta la pasta fresca che non state utilizzando con della pellicola per non farla seccare.
  11. A questo punto iniziate dallo step più largo, adagiate la prima sfoglia, poi ripiegate la pasta su se stessa e continuate a lavorare la pasta, diminuite ogni volta di uno step fino a raggiungere lo spessore desiderato. Io ho raggiunto l’ultimo spessore per ottenere una pasta sottile
Procedimento per la pasta fresca CON LA PLANETARIA
  1. Setacciate la farina e inseritela nella planetaria.

  2. Su un piatto fondo rompete le uova e un albume e mescolate bene con una forchetta.

  3. Incorporate delicatamente le uova e aggiungete un pizzico di sale, amalgamate fino a quando l’impasto non si sarà staccato completamente dalle pareti della planetaria. 4 minuti vel. 2

  4. Coprite con pellicola trasparente e lasciate riposare per almeno 30 minuti.
Procedimento per il ripieno 
  1. Rosolate la carne macinata, cipolla e pomodorini qualche minuto con un filo d’olio e sale.

  2. Mescolate con un cucchiaio di legno per qualche minuto. Assaggiate e fate raffreddare

  3. Tritate tutto nel mixer anche i bocconcini di scamorza insieme alla carne fino a raggiungere un impasto compatto, non deve esser liquido altrimenti fuoriesce in cottura.
  4. Tritando tutto insieme sarà poi più semplice farcire i ravioli.
  5. Fate raffreddare e poi inserite il ripieno in una sac a poche.

Preparare i ravioli
  1. Dopo aver raggiunto lo spessore della pasta desiderato, ricavate tanti quadrati di 10x10 cm.

  2. Spennellate leggermente con un tuorlo i bordi del quadrato.
  3. Con l’aiuto di una sac a poche disponete al centro di ogni quadrato un ciuffetto di ripieno, se non avete messo la scamorza nell mix aggiungete ora un pezzettino di scamorza.
  4. Chiudete ogni fagottino prendendo tutti i quattro lati verso l’alto e premete il centro con le dita umide di acqua, oppure con erba cipollina come avevo fatto la scorsa volta.
  5. Disponete la pasta ripiena su una spianatoia infarinata e lasciateli asciugare.
Condite i ravioli
  1. Dopo aver cotto i ravioli per 3 minuti in acqua bollente salata saltateli in padella con la restante carne macinate e servite. 

 

Ecco Suemi alle prese con la sua Cucina Gioco acquistata su Amazon lo scorso anno 

mentre cucina i ravioli insieme a Masha e Orso

 

Si è davvero divertita in veste da Chef  ^-^

 

Ecco il nostro piatto di ravioli  Masha e Orso con carne macinata e scamorza

 

Pienamente soddisfatte!

 

RICORDATEVI SEMPRE DI CANTICCHIARE

 le canzoncine di Masha e Orso che portano sempre TANTA ALLEGRIA. 

Un bacio a voi

dalla mia piccola “MASHA”

mashamoment

 

Testo della canzone Masha Cuoca Perfetta

Forza diamoci da fare
Perché adesso tocca a noi
Quanto zucchero versare
Tutto quello che tu vuoi

Cetrioli e pomodori
E dall’albero lassù
Pigne aromi spezie odori
Tutti in pentola quaggiù

Raccogliamo le carote
Nel cesto i funghi van così
Pigne verde e profumate
A bollire insieme qui

Mescolando con pazienza
Tutto si insaporirà
Che piacere cucinare
La ricetta è tutta qua!!!

 

 

 

Cucina Infantastic 

 

Se ti fa piacere segui la mia pagina  facebook  instagram

per essere sempre aggiornato

tra RICETTE E VIAGGI DI SAPORI! 

Zucchero e Valigia

Primi Piatti

Spaghetto Quadrato con pannocchie, vongole, gamberi argentini e pangrattato

Oggi voglio proporvi la mia versione per un piatto di mare gustoso e saporito: Spaghetto quadrato con pannocchie vongole gamberi argentini e pangrattato

Adoro preparare i primi piatti soprattutto se sono a base di pesce. Sono semplici e soprattutto velocissimi!

Spesso uso la Pasta La Molisana perchè è corposa e allo stesso modo mantiene perfettamente la cottura.

Un primo piatto con pannocchie, vongole, gamberi argentini e pangrattato.

La pannocchia o cannocchia, forse più conosciuta come cicala di mare, è un crostaceo della famiglia degli Squillidae,  può raggiungere una lunghezza massima di 20 cm. All’interno del guscio ha una polpa corposa e saporita.

Un consiglio, prima di cuocere le pannocchie sciaquatele bene sotto l’acqua corrente e infine incidetela con un coltello sulla parte del guscio con un taglio verticale.

Ricordatevi di tagliare anche le zampette che si trovano sul ventre della panocchia. In questo modo sarà più semplice da mangiare.

Siete pronti? iniziamo 🙂

Spaghetto Quadrato con pannocchie, vongole, gamberi argentini e pangrattato
Preparazione
5 min
Cottura
15 min
Tempo totale
20 min
 
Cucina: Italian
Porzioni: 4 porzioni
Chef: Selene Mazzei
Ingredienti
Ingredienti
400 gr spaghetti quadrato la Molisana
10 gamberoni argentini
100 gr di vongole
6 panocchie di mare
1 zucchina rotonda (diventa cremosa)
1 zucchina verde normale
10 pomodorini pachino
1 spicchio di aglio
pangrattato
olio extravergine di oliva
sale
ciuffetti di menta per guarnire
Istruzioni
In un tegame fate rosolare lo spicchio d’aglio con l’olio.
Tritate una zucchina tonda, aggiungete i pomodorini tagliati a metà e i gamberoni.
Sciacquate le pannocchie sotto acqua corrente e incidete con un coltello un taglio verticale sul guscio.
Tagliate le zampette che si trovano sul ventre della panocchia e inseritele nel tegame.
Fate cuocere per qualche minuto. Aggiungete le vongole e continuate a cuocere a fiamma alta con coperchio.
Regolatevi con il sale.
Nel frattempo cuocete in abbondante acqua salata gli spaghetti.
Scolateli al dente e trasferiteli nel tegame.
Mantecate, bagnando eventualmente con un po di acqua di cottura, e cospargete con abbondante pangrattato.
Impiattate ogni singolo piatto e decorate con una fogliolina di menta. Servite.

 

 

Mantecate, bagnando eventualmente con un po di acqua di cottura, e cospargete con abbondante pangrattato.

Impiattate ogni singolo piatto e decorate con una fogliolina di menta. Servite.

 

Buon appetito.

Selene

 

 

 

Primi Piatti

Spaghetti alle vongole abbinato al vino Feudi Branciforti

spaghetti alle vongole con Vino Feudi Branciforti

Oggi vi offro virtualmente gli Spaghetti alle vongole una ricetta davvero gustosa e soprattutto semplice da preparare.

Gli spaghetti alle vongole sono uno dei piatti a base di pesce più tradizionali è un piatto perfetto per le grandi occasioni ma anche per la vostra cucina quotidiana.

Spaghetti alle vongole

 

Per 4 persone   Tempo 30 minuti

Ingredienti

  • 320 gr di spaghetti
  • 1 kg di vongole veraci spurgate
  • 6 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2cucchiai di vino bianco
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • sale qb

Procedimento

  1. Lavate bene le vongole, mettetele in una padella, con 2 cucchiai d olio extra vergine d’oliva e uno spicchio d’aglio.
  2. Fatele cucinare a fuoco alto con un coperchio. Serviranno solo 5-7 minuti.
  3. Togliete dal fuoco ed eliminate le vongole chiuse.
  4. Rimettette il tegame sul fuoco, aggiungete il vino e sfumate a fiamma dolce.
  5. Unite il prezzemolo intero o tritato secondo i vostri gusti.
  6. Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua bollente salata.
  7. Scolate la pasta al dente e terminate la cottura in padella insieme alle vongole.
  8. Aggiungete il pepe e servite.

Spaghetti alle vongole con Vino Feudi Branciforti

Abbiamo deciso di abbinare al piatto

il Vino Feudi Branciforti dei Bordonaro, Catarratto

“Fresco e aromatico il Catarratto, coltivato nell’areale di Trapani, in virtù di una ventilazione costante proveniente dal mare Mediterraneo,

rivela una piacevole spalla acida che ne esalta l’eleganza olfattiva.

Si mostra nel calice di colore giallo paglierino con tenui riflessi dorati.

Incede nel palato con sentori leggeri di fiori di pesco e glicine, riservando, nel finale, note delicate di semi di anice.

Ideale per un aperitivo sul calare della sera si abbina felicemente con crudités di mare, tempura di gamberetti e pesci di scoglio”.

La Produzione del Feudi Branciforti dei Bordonaro avviene tra il Monte Erice e le isole Egadi, su morbide colline poste ad un’altitudine tra i 300 e i 400 metri sul livello del mare, è proprio qui che nascono i filari rigogliosi di Tenuta Gelso Grande.

Luogo incontaminato con un connubio perfetto tra il verde dei vigneti e l’azzurro del cielo e del mare.

Nel prossimo post, vi porterò virtualmente alle Isole Egadi  precisamente a Levanzo, perla del mediterraneo.  

dove perdersi verso l’infinito tra cielo e mare…   

Siete pronti a viaggiare con noi ?

IL NOSTRO VIAGGIO ALLE ISOLE EGADI 

Buona giornata

Selene

Primi Piatti

Bucatini al pesto di basilico e menta con stracciatella di burrata e polvere di caffè

 

Finalmente ho trovato due minuti per pubblicare la ricetta dei miei

Bucatini al pesto di basilico e menta con stracciatella di burrata e polvere di caffè“.

Un piatto senza pretese, un piatto veloce, preparato una sera in cui non c’era quasi niente in frigo

(credo che un po’…capita a chiunque).

Così ho pensato a tutto il basilico che avevo all’esterno della cucina, ad un pò di menta, due pinoli e all’unico formaggio che avevo in frigo, una profumatissima stracciatella di burrata. Mi sembra quasi di sentirne il profumo.

Nel caso non l’avete nessun problema, potrete usare della semplice philadelphia o dello stracchino, insomma un formaggio cremoso che dia corposità al pesto.

Credetemi sarà un successo.

Non ho ancora capito se sia stato l’orario, ma quella sera in cui ho postato la foto su Instagram

(dapprima con la scelta degli ingredienti e dopo circa 20 minuti con la foto del piatto pronto) ho ricevuto una pioggia infinita di like 🙂

Sicuramente la fame ha preso il sopravvento e molti di voi avrebbero voluto volentieri il piatto pronto da gustare.

Noi l’abbiamo apprezzato moltissimo.

Non vi resta che provare anche voi questo gustoso piatto di BUCATINI AL PESTO DI BASILICO E MENTA CON STRACCIATELLA DI BURRATA E POLVERE DI CAFFE’.

 

Bucatini al pesto di basilico e menta con stracciatella di burrata e polvere di caffè
Porzioni: 4 porzioni
Chef: Selene Mazzei
Ingredienti
360 gr bucatini
ho utilizzato due intere piantine di basilico
4 ciuffetti di menta
70 gr Pinoli
160 gr stracciatella di burrata (in alteranativa stracchino o philadelpia)
qb polvere di caffè
qb olio
qb sale e pepe
Istruzioni
  1. Lavate accuratamente il basilico e la menta.
  2. Tamponate con carta assorbente per eliminare l'acqua in eccesso.
  3. In un mixer o in una ciotola dai bordi alti mettete il basilico, la menta, l’olio e i pinoli. Tritate bene fino ad ottenere una crema.
  4. Aggiungete la stracciatella di burrata o altro formaggio e frullate ancora a media velocità a lungo, fino a quando non sarà perfettamente amalgamata. Salate e pepate secondo i vostri gusti. Ricordatevi sempre di assaggiare.
  5. Il pesto che otterrete deve risultare cremoso e vellutato. Se la consistenza risulta troppo secca aggiungete dell’olio, se troppo fluida ancora del formaggio. Il pesto a questo punto è pronto.
  6. Nel frattempo, cuocete i bucatini al dente in abbondante acqua bollente salata.
  7. Scolate i bucatini trasferiteli in un tegame con il pesto e mantecate per bene a fiamma bassa.
  8. Suddivideteli nei piatti e servite, decorando con foglioline di menta, pinoli, polvere di caffe' ed un chicco di caffè.

 

E’ un piatto semplice e veloce come piace a noi e a  voi

 

Se provi questa ricetta

ricordati di condividere la foto su facebook e  instagram

Ricordati di usare hashtag  #zuccheroevaligia 

entrerai subito a far parte della mia gallery!!

 

 

Buon appetito
Selene

Pasta fresca, Primi Piatti

Tagliatelle all’uovo d’oca con ragù di cinghiale

 

Il pranzo della domenica che mi ricorda la famiglia è la pasta rigorosamente fatta in casa condita da un saporito ragù di carne.

Ricordo che amavo vedere mia zia formare la pasta con amore e con dedizione. Forse è l’unica zia che ha sempre preparato la pasta in casa per tutti e quando dico tutti non parlo di 6-7 persone ma anche per 20, perchè la nostra famiglia è grande e per fortuna è sempre stata molto unita e quando finalmente durante le feste riusciamo a passare del tempo insieme ci piace riunirci e stare tutti in compagnia.

Preparare il ragù non è una cosa veloce; e’ per questo che ho sempre preferito godermi il mio piatto già pronto della mamma e della zia. Questa volta pero’, per via del contest, ho voluto preparare io il pranzo della domenica a casa con amici e parenti.

Eravamo in ben 14 persone e sono veramente contenta che il piatto sia piaciuto molto. E’ rimasto giusto un piatto di pasta fresca da poter cucinare il giorno dopo giusto da fotografare.

D’altronde non potevo mettermi a fotografare davanti agli ospiti.

Ingredienti per le Tagliatelle 

  • 500 gr. di farina Gran Pasta Petra la Farina Rimacinata a pietra
  • 3 uova d’oca  (oppure 5 uova di gallina)
  • 10 gr. di olio extravergine di oliva
  • sale

Ingredienti per il ragù di carne

  • 1 kg di carne di cinghiale
  • (potete sostituire la crne di cinghiale con 500 gr. di carne di manzo + 5 costine di maiale + 300 gr. di carne trita di prima scelta)
  • 2 litri di salsa di pomodoro fatta in casa
  • 1 carota
  • 1 mazzetto di rosmarino
  • cipolla rossa qb
  • olio qb
  • sale

 

Procedimento per la pasta fresca fatta A MANO

  1. Su una spianatoia in legno formate una fontanella con la farina setacciata.
  2. Formate un buco al centro con le dita.
  3. Su un piatto fondo rompete le uova e mescolate bene con una forchetta.
  4.  Incorporate delicatamente all’interno della fontanella le uova e aggiungete un pizzico di sale e l’olio.
  5. Iniziate a lavorate con le mani l’impasto, prima dal centro verso l’esterno e poi viceversa, dall’esterno verso l’interno amalgamando bene tutta la farina fino a ottenere un panetto liscio e compatto.
  6. Avvolgete la pasta ottenuta nella pellicola trasparente e lasciatela riposare per almeno 30 minuti in un luogo fresco e asciutto.
  7. Trascorso il tempo del riposo, la pasta risulterà più morbida ed elastica pronta per essere lavorata.
  8. Prima di iniziare a lavorare la pasta, con le dita, fate una leggera pressione per appiattire il vostro panetto.
  9. Ora dividete in 4 il vostro panetto e iniziate a sfogliare la vostra pasta con l’aiuto del mattarello fino a ottenere delle sfoglie sottili di circa 3 mm.

 

Ricordatevi di tenere sempre coperta la pasta fresca che non state utilizzando con pellicola per non farla seccare.

Quando la sfoglia sarà asciutta, è ora di tagliare le tagliatelle.

Arrotolate l’estremità più stretta della sfoglia, fino ad arrivare a metà della sfoglia poi arrotolate l’altra estremità e tagliate a coltello le tagliatelle, formando delle striscioline.

Prendete delicatamete le tagliatelle e eliminate l’eccesso di farina.

Posizionatele su un vassoio coperte da una tovaglia pulita se dovete usarle entro 1 -2 giorni. 

 

 

Procedimento per il ragù di carne

  1. In una grande pentola  versate l’olio, l’alloro  e il rosmarino fate soffriggere per 5 minuti a fiamma bassa, poi aggiungete la carne, a pezzi e tritatata con un mixer, la cipolla rossa, la carota e soffriggete per circa 15 minuti mescolando sempre per evitare che si attacchi alla pentola.
  2. Infine aggiungete la salsa di pomodoro e il sale.
  3. Cuocete per circa 2 ore.

 

  1. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata per circa 2-3 minuti scolatela e amalgamatela con il sugo di ragù di carne.
  2. Impiattate e adagiate un rametto di rosmarino con il fiore per richiamare la carne aromatizzata.
  3. Servite il piatto ben caldo.
  4. Buon appetito

 

 

 

Se ti fa piacere, segui la pagina  facebook  instagram

per essere sempre aggiornato/a

tra CONSIGLI – RICETTE E VIAGGI DI SAPORI! 

Zucchero e Valigia

 

 

Pesce, Primi Piatti

Mezze maniche cozze e ceci

Come vi accennavo sull’ultimo post delle Cinque Terre

Vi riporto nuovamente in cucina per scoprire un piatto di mare assaggiato appunto a Varazze in un piccolissimo ristorante vicino al Porticciolo.

Piazzetta Vernazza

 Questo piatto unisce il sapore di mare delle cozze con la bontà dei ceci.

IMG_2118

A molti potrà risultare un abbinamento inolsito ma credetemi…vi stupirà

Ingredienti per 4 persone

  • 500 gr di ceci
  • 1 kg di cozze
  • granelle di mandorle
  • aglio
  • pomodorini,
  • vino bianco
  • olio
  • sale e  pepePreparazione 

Potrete utilizzare direttamente i ceci precotti oppure, la sera prima, dovrete mettere a bagno con dell’acqua i ceci in una ciotola per l’intera notte.

Successivamente lessateli con un po’ di sale e, con l’aiuto di un mixer ad immersione, frullate metà dei ceci.

Lavate le cozze sotto l’acqua corrente per pulirle accuratamente come spiegato nei questo post.

A questo punto potete cucinare le cozze.

Su una padella con dell’olio extra vergine di oliva fate soffriggere l’aglio (poi ricordatevi di eliminarlo).

Versate le cozze nella padella con due pomodorini pachino e coprite con un coperchio in modo da formare del vapore e farle aprire.

Appena le cozze si saranno aperte stufate con del vino bianco e aggiungete i ceci cotti insieme alla cremina di ceci.

Cuocete a fuoco lento per qualche munito e iniziate a cucinare la pasta.

Scolate la pasta ancora al dente e terminate la cottura nella padella con il condimento delle cozze e ceci.

Guarnite il piatto con una spolverata di granelle di mandorle, una foglia di basilico e il piatto è pronto.
Mezze maniche cozze e ceci

 

 Se ti fa piacere metti un like alla mia pagina facebook  

così da esser sempre aggiornata !!

Se provi la ricetta usa hashtag  #zuccheroevaligia su  instagram

Entrerai subito a far parte della mia gallery!!

 

 

Buon appetito

Selene

Pesce, Primi Piatti

Spaghetto Quadrato La Molisana ai frutti di mare

Buon giorno oggi ho trovato giusto il tempo per proporvi un piatto di pesce che si prepara in pochissimo tempo.

Tempo fa ho ricevuto un omaggio di pasta dalla “la Molisana” azienda italiana specializzata nella produzione di pasta.

Il pastificio La Molisanafu fondato nel lontano 1912 a Campobasso nel Molise ed esporta i suoi prodotti in diversi paesi d’Europa, Asia e America.

Ho avuto il piacere di assaggiare diversi tipi di pasta e questo spaghetto quadrato è tra i miei preferiti.

Quale miglior modo per preparare un piatto di pesce.

Voglio però darvi due piccoli trucchi per pulire attentamente le cozze e le vongole.

La prima operazione da fare consiste nel selezionare i molluschi.

  • Bisogna controllare le cozze e scegliere solo quelle chiuse e integre eliminando senza esitazione quelle rotte o già aperte.
  • Mettetele in un recipiente e sciacquatele abbondantemente sotto l’acqua corrente fredda.
  • Eliminate il filamento che fuoriesce, detto barba, strappatelo con le mani come in foto 2
  • Pulite con cura il guscio di ogni cozza
  • Strofinate energicamente le cozze con l’aiuto di una retina d’acciaio e schiacquate di nuovo sotto l’acqua.

Ora procediamo con le vongole

Le vongole sono più particolari hanno bisogno di molta più cura e attenzione. Perché basta veramente poco per rovinare un buon piatto.

Riempite un ciotola, se possibile in ceramica, con abbondante acqua e 2 cucchiai colmi di sale grosso.

Adagiate uno scolapasta prima di immergere le vongole nell’acqua, in questo modo i molluschi non andranno a contatto con il fondo del recipiente, e la sabbia viene spurgata e non riassorbita.

Coprire con un panno per almeno 2 ore.

Ingredienti 

  • 500 gr di cozze
  • 500 gr tra vongole veraci e fasolari
  • 1/2 spicchio di aglio
  • 6 pomodorini
  • una bustina di zafferano in polvere
  • prezzemolo
  • sale e pepe
  • olio extravergine di oliva

Procedimento 

  1. In un tegame ampio fate rosolare l’aglio con 4 cucchiai di olio, le cozze, le vongole spurgate come precedentemente spiegato, i pomodorini tagliati in due e qualche foglia di prezzemolo e mescolate delicatamente.
  2. Mettete un coperchio e fate cuocere per 5-7 minuti

3. Lessate la pasta in abbondante acqua bollente salata insieme ad una bustina di zafferano.

4. Scolate la pasta al dente, trasferiteli nel tegame con i  molluschi e il condimento preparato, e fateli saltare per qualche minuto.

5. Distribuite la pasta nei piatti individuali, condite con una filo d’olio al peperoncino, e profumate con una manciata di pepe.

Buon appetito !

 

 Se ti fa piacere metti un like alla mia pagina facebook  

così da esser sempre aggiornata !!

Se provi la ricetta usa hashtag  #zuccheroevaligia su  instagram

Entrerai subito a far parte della mia gallery!!

 

Alla prossima ricetta

Selene

Pesce, Primi Piatti

Fregola Sarda con Pomodorino pachino e Scampi

Oggi voglio proporvi una ricetta semplice e di grande effetto che stupirà sicuramente il vostro compagno o la vostra compagna.

San Valentino si sta avvicinando e forse è il caso, sempre che non abbiate già prenotato il vostro ristorante preferito, di preparare una nuova ricetta a base di pesce.

Il trucco dei primi piatti a base di pesce è che si preparano in pochissimo tempo ed è forse per questo che ogni settimana ne preparo diversi.

Che ne dite siete pronti ?

L’ingrediente particolare di oggi è la fregola, un tipo di pasta molto simile al cous cous ma più grossolana.

E’ un piatto tipico sardo, una pasta secca a base di semola di grano duro e acqua

ridotta a piccole sfere irregolari che, dopo ore di essiccazione e tostatura, assumono un colore dorato.

 

Con il termine frutti di mare*si indicano due categorie  i molluschi e i crostacei.

Fanno parte della categoria  molluschi:

  • cefalopodi (provvisti di conchiglia interna o sprovvisti di conchiglia, ad esempio polpo, seppia, calamaro, moscardino, totano piovra ecc.);
  • gasteropodi (univalvi ovvero con conchiglia esterna, ad esempio le chiocciole, le lumache, le patelle, ecc.);
  • lamellibranchi (bivalvi pertanto con conchiglia esterna, ad esempio le cozze le vongole, i fasolari, telline, i canolicchi, le capesante, i canestrelli, i tartufi di mare, i datteri di mare, le ostrische, la pinna nobilis, ecc).

Per la categoria crostacei:

  • macruri (addome lungo, disteso con pinna codale a forma di ventaglio, ad esempio l’aragosta, l’astice, il gambero e lo scampo ecc.);
  • i brachiuri (addome breve senza ventaglio, ripiegato sotto il capotorace, ad esempio il granchio o la granceola);
  • i stomatopodi (provvisti di due appendici boccali con chele “rapitrici” annesse formate da un articolo mobile dentato che si ripiega sul segmento stesso (es. canocchia, corbola ecc.).

 

Fregola sarda con pomodori pachino e Scampi
Ingredienti   per 2 persone

  • 6 pomodorini pachino
  • 8 scampi
  • 1/2 zucchina
  • 20 gr Olio Evo + 1 spicchio di aglio
  • 500 gr Acqua
  • 180-200 gr Fregola
  • Peperoncino pepe sale q.b.
  • prezzemolo, basilico o menta per guarnire

Procedimento 

  1. Per prima cosa lavate gli scampi.
  2. Tenete 4 scampi integri e gli altri 4 sgusciateli
  3. Se avete del tempo con gli scarti potrete preparare una Bisque.
  4. In un tegame grande fate rosolare, a bassa fiamma, l’olio d’oliva con lo spicchio aglio, prezzemolo, peperoncino sminuzzato, zucchine tagliata a pezzetti e pomodorini pachino tagliati a metà.
  5. Aggiungete gli scampi e fateli insaporire per qualche minuto. Mescolate frequentemente.
  6. Potete decidere di creare una crema di scampi e pomodorini quindi tenete da parte i 4 scampi interi e con un mixer a immersione versate il contenuto del tegame e sminuzzate per circa 1 minuto.
  7. Sminuzzate in base ai vostri gusti.
  8. A questo punto inserite l’acqua sul tegame e versate la crema ottenuta insieme alla fregola.
  9. Salate e fate cuocere per circa 8-10 minuti.
  10. Attenzione a non far attaccare la fregola quindi mescolate delicatamente.
  11. A cottura ultimata se volete potete spolverare con pepe nero.

 

Preparazione con il Bimby

  1. Per prima cosa lavate gli scampi. Tenete 4 scampi integri e gli altri 4 sgusciateli.
  2. Mettete nel boccale metà aglio 7 Sec. Vel. 6.
  3. Aggiungete l’olio, il peperoncino q.b. i 6 pomodorini pachino tagliati a metà, la mezza zucchina tagliata a pezzetti e gli scampi (sgusciati e non)  5 Min. 100° Vel. Soft Antiorario.
  4. A cottura ultimata mettete da parte i 4 scampi integri, serviranno per guarnire il piatto.
  5. E’ consigliabile in un tegame con coperchio per non farli raffreddare.
  6. Ora creiamo una crema di scampi e pomodorini  10 Sec. Vel. 6-7 regolatevi voi in base a quanto preferite sminuzzarli.
  7. A questo punto aggiungete l’acqua nel boccale insieme alla crema ottenuta e portate ad ebollizione 5 Min. Temp. Varoma Vel. Soft Antiorario.
  8. E’ il momento di inserire la fregola 8- 10 Min. Temp. Varoma Vel. Soft Antiorario.
  9. A cottura ultimata se volete potete spolverare con pepe nero.

Preparazione del piatto

Posizionate un anello medio sul piatto e adagiate la fregola all’interno, disponete gli scampi spolverate con pepe nero e guarnite con foglia di menta o di basilico.

Il piatto è da mangiare caldo.

Buona appetito 🙂

 

Se ti fa piacere, segui la pagina  facebook  instagram

per essere sempre aggiornato/a

tra CONSIGLI – RICETTE E VIAGGI DI SAPORI! 

Zucchero e Valigia

 

Buona cena

Selene