Browsing Category

Pane

image_pdfimage_print
Pane

Il mio pane con fichi secchi e noci

Buon giorno a tutti!!

Qualche settimana fa ho partecipato giusto in extremis al contest “ I miei primi 10.000 ” indetto dal Gruppo Facebook “Cucinar cantando con Cesira

https://www.facebook.com/groups/cucinarcantandoconcesira/ e sponsorizzato dal Molino Dallagiovanna http://www.dallagiovanna.it/“, da “Stopinitaly” di Anna Maria Bernabei http://www.stopinitaly.it/ e da One Day Chef di Marisa Carroccia http://www.onedaychef.it/it/.  preparando un pane intrecciato (clicca sul link per vedere la ricetta).

Non ci credevo nemmeno io ma deve esser piaciuto così tanto che ha passato le selezioni!

Il giorno dopo, sono volata in FINALE. ^_^ non me l’aspettavo davvero!!!

Eccomi di nuovo qui,

con un nuovo lievitato usando sempre le Farina Molino Dallagiovanna.

Ho deciso di utlizzare gli ultimi fichi secchi, che mi ha portato mia suocera lo scorso week end ^-^ per creare un pane con fichi secchi e noci.

Questo pane con i fichi secchi e noci

è ideale da gustare con salumi formaggi e marmellate.

Siete pronti a impastare???

Pane fichi secchi e noci

Ingredienti per la Biga

  • 150gr di Farina Uniqua Gialla
  • 150ml di acqua
  • 2gr di lievito di birra

 

Ingredienti

  • 400gr Uniqua Verde Tritordeum
  • 450gr Uniqua Rossa
  • 410ml di acqua
  • 24gr di sale
  • 40ml di olio
  • 150gr di fichi secchi
  •  75gr di noci
  • 1 cucchiaino di miele

Occorrente

  • Lametta piccola
  • Una contenitore rotondo H 20 cm / L 30cm  – per far lievitare l’impasto-
  • un canovaccio pulito

Procedimento

Step 1 – La sera prima preparate la biga –

  1. Sciogliete 2 g di lievito in 100 g acqua a temperatura ambiente o appena tiepida aggiungete la farina e mescolate tutto con un forchetta.
    Lasciate fermentare l’intera notte ad una temp. Ambiente (18°/20° gradi circa).

Step 2 – La mattina seguente –

  1. Tagliate a pezzettini piccoli (con un coltello) i fichi secchi e le noci e tenete da parte.
  2. In planetaria mescolate le farine Uniqua rossa Molino DallaGiovanna e verde Uniqua rossa Molino DallaGiovanna
  3. Sciogliete la biga nell’acqua insieme al malto d’orzo (o miele)
  4. Inserite l’acqua poca per volta e impastate per 5 minuti a vel 1 – lenta- e 7 minuti a vel. 4 veloce con l’uso della foglia
  5. Infine aggiungete l’olio e il sale e portate a incordatura l’impasto, la ciotola dovrà esser ben pulita (senza impasto sui bordi). Sostituite la foglia con il gancio, per ottenere un impasto lucido ed elastico, per circa 5 minuti a vel 4/5
  6. Inserite i fichi e le noci e lavorate per 1 altro minuto vel 2 fino a quando tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati.
  7. Disponete ora l’impasto su una spianatoia e fate delle pieghe a libro, allargando con le mani l’impasto prendete i lati laterali e portateli al centro (a libro).
  8. Pirlate l’impasto – roteatelo su se stesso creando una palla.
  9. Posizionate la pagnotta, in contenitore a forma tonda foderata da un canovaccio infarinato con farina. – Le pieghe di chiusura dovranno rimanere nella parte alta. –  
  10. Adagiare la ciotola nel forno (spento) con lucina accesa per farlo lievitare, coperto dai lati del canovaccio.
  11. Dopo circa 4 ore grazie alla temperatura costante del forno, il vostro pane sarà visibilmente raddoppiato.
  12. Rovesciate “delicatamente”  l’impasto su carta forno, e sempre “delicatamente” eliminate il canovaccio.
  13. Posizionate la pietra refrattaria al forno a 250° gradi – insieme ad un pentolino d’acqua per formare il vapore.
  14. Spolverate il pane con farina Uniqua rossa. Con lama piccola fate dei tagli/incisioni formando delle spighe di grano
  15. Quando il forno avrà raggiunto la temperatura infornate il pane
  16. Cuocete in forno il pane per circa 1.ora e dieci minuti in questo modo                                                                                                                                                                                                                              (220° ventilato per circa 30 minuti   +   200 ° statico per 25 minuti  + 180° per 15 minuti a spiffero (sportello del forno leggermente aperto) in modo da permettere la fuoriuscita del vapore e rendere croccante la crosta).
  17. Fate raffreddare su una granella.

 

Consigli 

In base ai vostri tempi decidete se aumentare il lievito di birra per ridurre i tempi di lievitazione.

E’ importante la temperatura costante nella cucina.

Le temperature e le tempistiche di cottura possono variare in base alle caratteristiche del vostro forno.

“Con questo elaborato partecipo

al Contest “ I miei primi 10.000 ”

per la sezione FINALE

indetto dal Gruppo Facebook “Cucinar cantando con Cesira

https://www.facebook.com/groups/cucinarcantandoconcesira/ e sponsorizzato dal Molino Dallagiovanna http://www.dallagiovanna.it/“, da “Stopinitaly” di Anna Maria Bernabei http://www.stopinitaly.it/ e da One Day Chef di Marisa Carroccia http://www.onedaychef.it/it/

 Se ti fa piacere metti un like alla mia pagina facebook  

così da esser sempre aggiornata !!

Se provi la ricetta usa hashtag  #zuccheroevaligia su  instagram

Entrerai subito a far parte della mia gallery!!

 

Chi mi fa un bel in bocca al lupo ???

^-^

 

Dai mettetevi a impastare anche voi!!

Alla prossima ricetta

Selene

 

 

 

Lievitati, Pane

Pane ai semi di lino intrecciato a 5 capi

Con questo elaborato partecipo al Contest “ I miei primi 10.000 ” indetto dal Gruppo Facebook “Cucinar cantando con Cesira sponsorizzato dal Molino Dallagiovanna http://www.dallagiovanna.it/“, da “Stopinitaly” di Anna Maria Bernabeie da One Day Chef di Marisa Carroccia

 

Pane ai Semi di Lino “INTRECCI DI VITA & DI PANBRIOCHE”

Biga

• 300gr di farina Uniqua gialla

• 4 gr di lievito

• 160ml di acqua

Ingredienti

• 400gr UNIQUA ROSSA

• 400gr UNIQUA VERDE

• 200 ml di olio

• 500 ml di acqua

• 30 gr di semi di lino + 90ml di acqua

• 10 gr di marto d’orzo o Miele

• 40 gr di semi di sesamo tostati

• 30 gr di sale

PROCEDIMENTO

  1. La sera prima preparate la biga
  2. Sciogliete  il lievito nell’acqua all’ interno di un contenitore piccolo infine versatela sulla farina, amalgamate tutto con un forchetta e coprite.
  3. Lasciate fermentare l’intera notte ad una temp. di 18° gradi circa
  4. La mattina seguente
  5. Con frullatore ad immersione o con un mortaio macinate i semi di lino infine aggiungete 45ml di acqua tiepida. (il liquido caldo serve per accelerare il processo di gelificazione).
  6. Lasciate riposare per circa 15-20 minuti fino a quando si sarà trasformato in gel (simile ad un uovo crudo)
  7. In planetaria unite le farine Uniqua rossa Molino Dallagiovanna e verde Uniqua rossa Molino Dallagiovanna
  8. Sciogliete la biga nell’acqua insieme al malto d’orzo (o miele) impastate tutto a velocità bassa (con l’uso della foglia) per 5 minuti.
  9. Aggiungete il gel ottenuto dai semi di lino, l’olio, il sale e i semi di sesamo tostati, portate a incordatura bene l’impasto.
  10. Sostituite la foglia con il gancio, per ottenere un impasto lucido ed elastico.
  11. Fate lievitare l’impasto in una ciotola unta leggermente d’olio per circa 2 ore.
  12. Rovesciate l’impasto, sgonfiate l’impasto e spezzate in 5 parti e preformate.
  13. Arrotolate ogni filone e formate una treccia di pane a 5 capi, sopra la carta forno.
  14. Il capo 5 va sopra il 4 (verso sinistra)
    il 3 il centrale passa sopra in 4 posizione sul 4 (ora diventato il numero 5)
    1 sul 2
    Il centrale va a sinistra in 2′ posizione
  15. Procedete fino a terminare l impasto.
  16. Infine chiudete i lembi verso il basso e unite le due punte finali formando un pane rotondo.
  17. Fate lievitare nuovamente per circa 2 ore (fino il raddoppio).
  18. Scaldate il forno a 250° posizionate un pentolino d’acqua per formare il vapore.
  19. Spolverate con farina uniqua rossa.
  20. Infornate su pietra refrattaria o teglia rovente in forno preriscaldato a 220°per circa 30 minuti . 200 ° per 10 minuti e 180° per 10 minuti a spiffero e ventilato.

 

 

 

 

 

Il pane fatto in casa mi ricorda la Nonna (materna)

e visto che oggi è la festa dei Nonni questa pagnotta la dedico a lei.

Auguri a tutti i Nonni !!!

 

 * Ricordati di mettere un like alla mia pagina facebook  

così da esser sempre aggiornato *

Se provi la ricetta usa hashtag  #zuccheroevaligia su  instagram

Entrerai subito a far parte della mia gallery!!

 

 

Buona giornata

Selene

 

 

 

 

Antipasti, Bimby, Danubio, Finger Food, Lievitati, Pane

Sandwich Danubio farcito

Come promesso oggi vi voglio proporre il Sandwich Danubio farcito! Una ricetta davvero perfetta per i vostri pranzi con amici (magari sotto l’ombrellone 😉 ideale da farcire con tutto ciò che vi piace!!!

Farete davvero un figurone ^_^ e’ soffice e  morbidissimo, non servirà nemmeno il coltello ogni commensale potrà tranquillamente prendere un sfera del sandwich Danubio, con le mani perché e’ così soffice che si spezzerà facilmente.

In Calabria, fa caldo anzi fa caldissimo.

Ma non ho resistito, mi sono messa a impastare e ho acceso il forno (di sera).

Ecco la ricetta del

Sandwich Danubio farcito impastato con  il Bimby

Ingredienti

  • 570 gr di farina
  • 250ml di latte
  • 6 gr di lievito di birra
  • 50gr di strutto
  • 50gr di zucchero
  • 1 uovo
  • 10gr di sale
  • tuorlo per lucidare
  • semi di sesamo o semi di papavero

Per farcire il Sandwich 

  • pomodorini ciliegino
  •  rucola
  •  capocollo
  • prosciutto  crudo
  •  maionese /  formaggio cremoso

 

Procedimento bimby

  1. Nel boccale del bimby inserite il latte e lo zucchero 3 min. 37° vel 2.
  2. Sbriciolate all’interno del boccale il lievito di birra 1 minuto e mezzo 37° vel. 2
  3. Inserite la farina 3 min. Vel Spiga. Aggiungete l’uovo 2 min vel Spiga.
  4. Ora inserite lo strutto e il sale. 1 min vel Spiga.
  5. Ponete l’impasto ottenuto in una ciotola oleata e fate lievitare fino al raddoppio.
  6. Riprendete l’impasto e ricavate 10 piccole sfere + 1 leggermente più grande da posizionare al centro
  7. Pirlate bene ogni singola sfera e posizionatele uno intorno all’altra per formare il danubio, più una grande al centro

sandwich danubio farcito

 

sandwich danubio farcito

8. Lasciate lievitare fino al raddoppio.

9. Spennellate con un tuorlo e un pochino di acqua, in modo che dopo la cottura risulta bello lucido.

Se lo gradite, potete cospargere anche con dei semi di sesamo e quelli di girasole, ma anche semi di papavero andranno bene.

10. Infornate a forno preriscaldato a 180° per 20-25 minuti.

sandwich danubio farcito

11. Sfornare e fate raffreddare.

12. Infine tagliate la parte alta del sandwich danubio e farcite.

13.Lavate, tagliate e condite con sale e olio dei pomodorini ciliegino.

14. Spalmate della maionese, philadelphia o dressing allo yogurt e infine farcite il sandwich danubio secondo i vostri gusti.

Io ho farcito una metà con capocollo calabrese, rucola e pomodorini e l’altra metà con del prosciutto crudo rucola e pomodorini.

Potete congelare il sandwich danubio salato crudo, prima della seconda lievitazione e scongelarlo in frigorifero per farlo poi ri-lievitare a temperatura ambiente prima di cuocerlo.

Potete anche congelarla da cotto così sarà direttamente pronto per le vostre feste, scongelatelo a temperatura ambiente per  5/6 ore.

Una vera bontà !

sandwich danubio farcito

Posso dirvi di averlo preparato già moltissime volte e posso confermarvi che ogni volta non rimane nemmeno una briciola ^-^.

E’ davvero una delizia

* Parola di Orso *

Questo Sandwich danubio rimane perfettamente morbido ^-^ anche il giorno dopo… sempre che rimane!

 

 

Se ti fa piacere, segui la pagina  facebook  instagram

per essere sempre aggiornato/a

tra CONSIGLI – RICETTE E VIAGGI DI SAPORI! 

Zucchero e Valigia

 

un bacione dalla mia Masha  ^-^

 

Ricette con lo Strutto

Pasticciotti leccesi

Tortano napoletano 

Alla prossima ricetta

Selene

Antipasti, Finger Food, Pane

Schiacciata all’origano

 “Prenditi tempo” di Pablo Neruda

Prenditi tempo per pensare,
perché questa è la vera forza dell’uomo.
Prenditi tempo per leggere,
perché questa è la vera base della saggezza.

Prenditi tempo per pregare,
perché questo è il maggior potere sulla terra.

Prenditi tempo per ridere,
perché il riso è la musica dell’anima.

Prenditi tempo per donare,
perché il giorno è troppo corto per essere egoisti.

Prenditi tempo per amare ed essere amato,
è il previlegio dato da Dio.

Prenditi tempo per essere amabile,
questo è il cammino della felicità.

Prenditi tempo per vivere!
(Pablo Neruda)

 

Oggi va così.

Ho deciso di iniziare a prendere il tempo

…….. e dedicarlo in primis a me, a tutto ciò che mi fa star bene,  alle persone che ti cercano e ti sanno ancora chiedere “come stai” ….. e che ti sanno ascoltare.

Dedicare il tempo è un regalo che faccio a me e alle persone che realmente mi vogliono bene.

 

Viviamo in un era dove l‘uso dei social network è diventata un arma a doppio taglio,

troppo facile augurare un buon giorno,  ma troppo difficile guardarsi negli occhi e sapersi ascoltare.

E cosi, anche il tempo per noi mamme non è mai abbastanza,

rientrata a casa vorrei poter fare millecinquecento cose, ma prima di tutto c’è lei.

La mia bimba.

La mia unica priorità.

Ma se alle 18.30 ci accorgiamo di non avere più il pane…. Come si fa? Semplice ci mettiamo a cucinare insieme.

Ecco quindi l’occasione giusta per prepare questa ottima schiacchiata!

Si prepara in pochissimo tempo e si può mangiare con qualsiasi cosa abbiate in frigo, dai formaggi cremosi,

ai pecorini, ai salumi, alle marmellate, il tutto accompagnato da un’ottima birra o vino ed il gioco è fatto!

Siete pronti ?

Schiacciata all’origano
Schiacciata all’origano e’ perfetta per ogni occasione. Ideale da accompagnare con salumi e formaggi cremosi. Si prepara in pochissimi minuti ed è un’ottima alternativa al pane
Preparazione             10
Cottura
Tempo totale            22
 :  
Ingredienti
Istruzioni
  1. In una ciotola inserite bene tutti gli ingredienti compreso l’origano mescolate prima con una cucchiaio e infine impastate bene fino a ottenere un impasto compatto.
  2. Ora stendete l’impasto su due fogli di carta forno e con l’aiuto del mattarello raggiungete un altezza non superiore a 3 mm. Lasciate riposare in frigorifero per 20 minuti.
  3. Eliminate il foglio di carta forno superiore, cospargete di sale grosso, altro origano e infornate a 200° per circa 12 minuti.
  4. Lasciate raffreddare la schiacciata e rompetela a triangoli.
  5. Accompagnate la vostra schiacciata con salumi, affettati e formaggi ma anche olive, mozzarelline insomma è perfettà con tutto. Buon appettito.

 

Se provi questa ricetta

ricordati di condividere la foto su facebook e  instagram

Ricordati di usare hashtag  #zuccheroevaligia 

entrerai subito a far parte della mia gallery!!

 

Se ti è piaciuta questa ricetta condividila ^-^

 

Alla prossima ricetta

Selene

Antipasti, Lievitati, Pane

Treccia di pane a 4 capi

 

Adoro i lievitati quanto i dolci.

Chi mi conosce lo sa.

Mi piace sempre portare a tavola qualcosa di bello ma soprattutto qualcosa di buono.

Adoro regalare il pane per occasioni speciali, a forma di cuore, a forma di fiore (danubio), a forma di stella o di corona, regalano sempre un sorriso e si possono anche gustare.

Questa volta mi sono voluta cimentare in una treccia di pane morbidissima a ben 4 capi.

E’ stata una super soddisfazione.

E’ una  Treccia di pane rustico,

che colpisce per la sua bellezza e per la sua bontà. 

E’ perfetta da preparare per una cena con gli amici,  per le feste dei compleanno o per un bruch della domenica.

E’ buona sia calda che fredda, ed è ideale da accompagnare con pesce affumicato, salsa tonnata oppure con salumi, formaggi e marmellate.

 

Questa soffice treccia, leggera come una nuvola, si mantiene morbida anche il giorno dopo.

(Potete tranquillamente utilizzare un contenitore ermetico o un sacchetto per alimenti).

Io ho usato, solo 5 gr di lievito, preferendo una lunga lievitazione.

Se non avete tempo a disposizione raddoppiate i gr di lievito senza mai esagerare.

Fate lievitare in forno con lucina accesa e vedrete che, grazie alla temperatura costante di 25° all’interno del forno, otterrete una treccia di pane perfettamente lievitata e soprattutto più leggera.

Io ho iniziato ad impastare intorno alle 12.30 in modo da assicurarmi una lunga lievitazione e gustarla per cena.

Pronti ad impastare?

 

Stampa
Treccia di pane a 4 capi
La treccia di pane è un pane morbidissimo a forma di treccia. E' ideale per gli antipasti o un brunch alternativo della domenica, ma anche come pane da farcire per i vostri pranzi veloci. Con questa dose potrete fare due trecce cotte all'interno dello stampo da plum cake, altrimenti una grande sono certa che farete una super scena con i vostri ospiti.
Porzioni: 6 porzioni
Ingredienti
Ingredienti
500 gr farina
250 ml latte
70 gr burro
10 ml olio extravergine di oliva
30 gr zucchero
5 gr lievito di birra Se non avete a disposizione diverse ore (per una lunga lievitazione), potete raddoppiare i gr di lievito di birra
1 uovo
10 gr di sale
Istruzioni
  1. Riscaldate il latte insieme allo zucchero e scioglietevi il lievito sbriciolato.



  2. Mettete nella planetaria la farina e iniziate ad azionare la macchina, aggiungendo poco per volta la parte liquida, (latte lievito e zucchero). Dovrete impastare per circa 6/7 minuti.
  3. Aggiungete l'uovo, deve essere ben incordato all'impasto e infine il burro fuso (non troppo caldo).

  4. Dovrete ottenere un impasto liscio e omogeneo.

  5. Posizionate il panetto all'interno di una ciotola con 10 gr di olio.
  6. Impastate a mano e cercate di incordare e amalgamare bene l'olio all'impasto. Renderà il pane ancora più soffice.
  7. Mettetelo a lievitare per circa 2 ore coperto con pellicola, in forno con la luce accesa.
  8. Trascorso il tempo della prima lievitazione, dividete l'impasto in 4 parti uguali e allungateli fino ad ottenere 4 quattro filoncini
  9. Intrecciate i 4 capi fino a formare una treccia. Seguite la foto per vedere tutti i passaggi e non sbagliare. L'estremità a destra (4) si sovrappone al 3. L'estremità a sinistra (1) va sotto il 2 e sopra il 3. Di nuovo l'estremita a destra (ora è diventato il 3) si sovrappone al 1. di nuovo l'estremità a sinistra (ora è diventato il 2) va sotto il 4 e sopra il 3. Intrecciate nuovamente fino alla fine della treccia.
  10. Chiudete bene l'estremità, per evitare che si sciolgano in cottura.
  11. Fate nuovamente lievitare la treccia per 30 /40 minuti su una teglia con carta da forno coperta da pellicola.

  12. Spennellate la treccia delicatamente con del latte e infornate a 170° per 30/35 minuti.
Note

 

 

 

A questo punto lascio parlare le immagini ^-^

 

Morbida come una nuvola e soffice come una panino al latte 

 

 

 

 

Con questa ricetta partecipo a Panissimo#47,

la raccolta di lievitati dolci e salati ideata

da Sandra di Sono io, Sandra,  e Barbara, di Bread & Companatico

questo mese ospitata da  Cakes and Co.

 

Se ti fa piacere, segui la pagina  facebook  instagram

per essere sempre aggiornato/a

tra CONSIGLI – RICETTE E VIAGGI DI SAPORI! 

Zucchero e Valigia

Se provi la ricetta usa hashtag #zuccheroevaligia su    Instagram

In questo modo posso vedere le tue creazioni  ^-^ e creare una gallery.


 

Se ti è piaciuta questa ricetta condividila ^-^

Alla prossima ricetta

Selene

Antipasti, Bimby, Colomba, Lievitati, Pane, Pasqua, Torte Salate

Tortano napoletano di Pasqua

Ci sono regali e regali. Io ultimamente ricevo regali per cucinare…sorrido perché si dice che i diamanti sono i migliori amici delle donna…io invece ho sempre desiderato ben altro :).

Qualche settimana fa’ mia suocera mi ha regalato un bel barattolo di strutto.

Non avendolo mai usato ho cercato un po’ di notizie su vari gruppi di cucina.

Ai tempi si usava per tutto e si diceva “chi usa lo strutto campa 100 anni ” e ora capisco molte cose :)))

Il barattolo è consigliabile in vetro da tenere sempre in frigo.

Si può usare in sostituzione del burro per frolle, biscotti, crostate, piadine, tortano napoletano, casatiello, e addirittura per friggere. Mi si è aperto un mondo.

Non ho resistito e ho voluto subito testare il sapore con una torta salata d’eccellenza per il periodo pasquale:

il Tortano Napoletano.

Una soffice torta a forma di ciambella con un ripieno di provola,

salame pancetta affumicata, prosciutto cotto, uova sode e pepe.

Il sapore ci ha conquistati, lo strutto è neutro e non si sente affatto.

 

 

Ricetta per il Tortano Napoletano

con questa dose io ho ottenuto uno stampo da ciambella da 24 cm e un plumcake.

Ingredienti 

500 gr Farina

200 ml acqua tiepida

100 ml latte

40 gr strutto

12 gr di lievito di birra ( io ne ho usati 6 gr. facendolo lievitare qualche ora in più)

1 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaino di sale

Per il ripieno 

100 gr di provola affumicata

100 gr di provola

50 gr di parmigiano

100 gr salciccia calabrese

100 gr pancetta affumicata a dadini

120 gr prosciutto cotto a dadini

pepe q.b

Procedimento Bimby 

Inserite nel boccale acqua, latte e zucchero 35 sec. 37 ° vel. 2.

Aggiungete il lievito sbriciolato 10 sec. vel. 3

Inserite la farina e sale 3 min. vel Spiga

Strutto 1 min. vel Spiga

Adagiate l’impasto ottenuto in una ciotola unta di olio e lasciate lievitare per circa 1 ora e mezza, coperto con pellicola trasparente alimentare.

Ora preparate il ripieno.

Tritate con l’aiuto del bimby la provola affumicata e non, 8 sec. vel 6

Poi la salsiccia 10 sec. vel 6

 

 

 

Stendete su un piano (infarinato) l’impasto, cercando di ottenere un rettangolo 60×40.

Adagiate su tutto l’impasto prosciutto, salsiccia, pancetta, provola a cubetti, l’uovo sodo grattugiato e una spolverata di pepe. (Io non ho esagerato con il pepe in quanto nella nostra salsiccia calabrese c’è già);

Ora arrotolate dalla parte più lunga e formate un cilindro.

Con le mani unte di strutto adagiate l’impasto in uno stampo da ciambella unendo quindi i due lembi.

Coprite con pellicola trasparente alimentare e lasciate lievitare per circa 2 ore.

In fase di lievitazione, l’impasto, deve raggiungere i bordi.

Infornate a 200° per circa 1 ora.

Un ottima alternativa da regalare per il pranzo di Pasqua o per un pic nic con gli amici a Pasquetta.

Con questa ricetta partecipo  alla raccolta  di  Panissimo#39, la raccolta di lievitati dolci e salati ideata da Sandra di Sono io, Sandra,  e Barbara, Bread & Companaticoquesto mese ospitata qui,  Un Condominio in cucina

 
Con questa ricetta partecipo anche all’evento #Ricettepasquali de L’Italia nel piatto.

 

 Se ti fa piacere metti un like alla mia pagina facebook  

così da esser sempre aggiornata !!

Se provi la ricetta usa hashtag  #zuccheroevaligia su  instagram

Entrerai subito a far parte della mia gallery!!

Vi ho convinti ?

Alla prossima

Selene

 

Antipasti, Bimby, Dolci, Lievitati, Pane, Pasqua

Colombine di Pasqua di Pan brioche

Che ne dite di preparare qualche simpatico segnaposto per Pasqua?

Per caso ho trovato una foto in internet con delle splendide colombine e, avendo ancora dello strutto in frigo, ho voluto subito provare anche una versione dolce per verificare la consistenza e il sapore. Voto 10 !

Adoro fare il pan briosche, adoro cimentarmi in trecce a 3-4-5-6 capi, vi prometto, che presto pubblicherò la treccia di pan briosche che conquista sempre tutti.

Se volete provare, seguite le foto e la semplicissima preparazione, sono certa che anche voi vi divertirete.

Vi stupirà per il suo colore, il suo sapore, la sua morbidezza e la sua leggerezza

le colombine di  pan brioche sono leggere come una nuvola ideali da gustare e farcire secondo i vostri gusti sia dolce che salato

Colombine di Pasqua di pan brioche

Ingredienti per circa 12 colombine

500 gr farina 00

250 ml latte

50 gr di strutto (o burro)

50 gr di zucchero

10 gr di sale

1 uovo

12 gr di lievito di birra

1 tuorlo e un goccio di latte per spennellare

Preparazione 

In un bicchiere, sbriciolate il lievito in un po’ di latte tiepido.

Formate una fontana con la farina, lo zucchero e la buccia di limone grattugiata.

All’interno inserite il lievito sciolto e iniziate ad amalgamare dal centro.

Aggiungete l’uovo e incorporate la farina.

Inserite poco per volta il latte, lo strutto (o burro) ammorbidito e per ultimo il sale.

Impastate a lungo coprite con pellicola e mettete a lievitare per un’ora meglio ancora se in forno spento con luce accesa.

Versione Bimby 

Versate il  latte e il lievito sbriciolato nel boccale  1 Min. 37° Vel. 1.

Versate nel boccale tutti gli altri ingredienti 3min. modalità spiga

L’impasto risulterà morbido ed elestico.

Se è troppo appiccicoso aggiungete un cucchiaio di farina.

Coprire l’impasto e lasciate lievitare per circa un’ora.

 

Trascorso il tempo di lievitazione bisogna procedere con la pezzatura.

Per ogni colombina  serviranno 85 g di impasto così suddivisi: 70 gr per il corpo e 15 g per la testa.

Ricordatevi sempre di coprire l’impasto che non state utilizzando con delle pellicola alimentare per non farla seccare.

Per il corpo:

Formate un cordoncino di circa 15 cm.

Sulla parte sinistra del cordoncino (vedi foto 2) create un nodo portando il lembo rimasto sotto (vedi foto 3) .

colombine di pasqua pan brioche zuccheroevaligia.ifood step 1

Con la punta di un coltello affilato create 4 tagli netti per formare la coda. (vedi foto 4)

Ora fate una pallina per la testa e con la punta delle dita pizzicate  per formare il becco a punta. (vedi foto 5)

Appoggiate la testa sul resto del corpo con un goccio d’acqua.

Sistemate le colombine distanziate tra loro su una teglia rivestita di carta da forno.

Coprite con pellicola alimentare e lasciate lievitare ancora per circa un’ora (vedi foto 6).

colombine di pasqua pan brioche zuccheroevaligia.ifood step 2

Accendete il forno a 180 °C e portate a temperatura.

Spennellate leggermente con una miscela di tuorlo e latte e infornate per circa 30 minuti fino a doratura.

Fate raffreddare e servite.

La ricetta è stata adattata da Mani Amore e fantasia.

 

Colombine di pasqua pan brioche zuccheroevaligia

Con questa ricetta partecipo a Panissimo#39, la raccolta di lievitati dolci e salati ideata da Sandra di Sono io, Sandra,  e Barbara, Bread & Companaticoquesto mese ospitata nel blog Un Condominio in cucina
panissimo marzo
Con questa ricetta partecipo anche all’evento #Ricettepasquali de L’Italia nel piatto.

Provaci anche tu ^-^

Ricordati poi di condividere la foto su facebook e  instagram

usa hashtag  #zuccheroevaligia 

Entrerai subito a far parte della mia gallery!!

 

Buona Pasqua

Selene

Antipasti, Bimby, Finger Food, Lievitati, Pane

Bagels con salmone affumicato e crema di formaggio in versione delicata e piccante per Re-Cake #11

IMG_5592 Bagels
Sempre in ritardo, lo so, ma visto che oggi è l’ultimo giorno per partecipare alla mitica raccolta di Re-Cake 2.0 eccomi qui a raccontarvi la nuova sfida.
Questo mese le Super Admin del gruppo hanno deciso per i BAGELS
Quindi non potevo di certo non provare la vera ricetta di origine polacca con Farina Integrale.

L’origine dei Bagels è molto antica, arrivati negli Stati Uniti grazie al flusso di immigrati di religione ebraica provenienti dall’Europa dell’Est, queste particolari ciambelline di pane, sono diventate il simbolo per i Newyorkesi e non solo.

Sin dalla mattina i negozi di bagels vengono presi d’assalto, ideali sin dalla colazione ma anche e soprattutto per pranzi veloci e pratici per un appetitoso street food.

La prima volta che ho assaggiato un bagels risale ad anni fa proprio a New York…

ny+

Al primo morso un tripudio di sapori…

dal sapore del salmone, alla granella dei pistacchi fino a sentire la consistenza e morbidezza del pane.

Possono essere farciti a seconda dei propri gusti, come un vero e proprio sandwich.

Quindi via libera a ogni gusto !

 

Bagel

Ecco a voi la Ricetta

INGREDIENTI:
Per i Bagel:
400 gr Farina Integrale
50 gr di Farina tipo pane 0 o manitoba
2 cucchiaini di Lievito di birra secco (o 10 gr di lievito di birra fresco)
1 cucchiaio di Zucchero semolato
1 cucchiaino di Sale
280-300 ml di Acqua tiepida (la quantità dipende dal tipo di farina…)
1 Tuorlo d’uovo
Semi di Sesamo o Papavero 
Per la Farcia:
100 gr di Salmone affumicato
100 gr di philadelphia
pisticanza
pistacchi
ravanello
olio, sale, pepe
PROCEDIMENTO:

Versare la farina in una ciotola (senza setacciare la farina perché integrale) aggiungete lo zucchero, il lievito e il sale.

A poco a poco, versando acqua tiepida, cominciate ad impastare.

Prendete l’impasto ottenuto e lasciate lievitare in una ciotola unta di olio.

Quando l’impasto sarà omogeneo e sodo metterlo in una ciotola leggermente unta d’olio, copritelo con pellicola e lasciarlo in un luogo caldo a lievitare per 1 ora e mezza circa. ( a me sono servite oltre due ore).

Togliete l’impasto dalla ciotola, spolverate con farina il piano di lavoro, stendete l’impasto e con un mattarello e dividete in 6 parti.

Da ciascuna formate una pallina leggermente schiacciata (con un diametro di 7-10 cm).

Mettete ogni pallina su una teglia foderata con carta da forno.
Creare un buco al centro con la punta di un mestolo in legno cosi da allargare il buco e, con l’aiuto del pollice e dell’indice, ruotare la ciambella.

Coprite con un panno e fate lievitare in un luogo caldo per 30 minuti.

Riempite una pentola capiente di acqua, aggiungete un cucchiaio di zucchero e solo quando l’acqua inizia a bollire mettete i bagel a bollire per un minuto su ogni lato.

Quando sono pronti metteteli su una griglia a scolare ed asciugare.

Scaldare il forno a 200 °C.

Spennellare la superficie superiore dei bagel con il tuorlo e cospargete con semi di sesamo o papavero.

Cuocere per 15-18 minuti fino a doratura.

Sfornate e lasciar raffreddare su una griglia da cucina.

Bagel 3

PROCEDIMENTO BIMBY 

Inserire nel boccale l’acqua, il lievito di birra (fresco e sbriciolato) e lo zucchero  1 min. 37 ° vel 1

Aggiungete la farina e il sale 3 min vel spiga.

Per il resto procedete come spiegato al punto precendente.

Bagel 2-

Per la Farcia:

Per la Versione delicata servite con un velo di salsa al formaggio, salmone affumicato, semi di papavero, misticanza, ravanelli e pistacchi 

Per la Versione più piccante con lattuga, capicollo, peperoncino e granella di mandorle.

Una vera goduria per gli occhi e per il palato

Apprezzati anche dai suoceri. Prova superata alla grande 🙂

 con questa ricetta partecipo a

 Re-cake 2.0 #11 – Bagels
12670095_898855956878759_2905225123147652393_n

Se ti fa piacere segui la mia pagina  facebook  instagram

per essere sempre aggiornato

tra RICETTE E VIAGGI DI SAPORI! 

Zucchero e Valigia

Alla prossima sfida
Selene
Bimby, Lievitati, Pane

La Challah il pane di origine ebraica

Challah-Primo post del 2016 ! Auguro a voi e a me un anno pieno di “solochebelle”!

 

Vi ricordate di Re- Cake 2.0 ?

Non vi ho forse raccontato che durante l’ultima  sfida, quella dei Macarons, ho vinto!!!

La prima vittoria non si dimentica mai 🙂 grazie ancora a tutte le admin del gruppo

     Carla   Claudia   Giulia    Ileana  Sara e Silvia,

IMG_8912 (1)

Sono veramente contentissima perchè non me l’aspettavo davvero

e poi con i macarons, che io amo, è stata una grande soddisfazione

Questo mese invece si comincia con un lievitato.

La Challah è il pane tradizionale ebraico che viene mangiato in occasione dello Shabbat (il Sabato appunto)

Premetto che non conoscendo la cucina ebraica in modo inpeccabile ho preferito informarmi tramite riviste, libri  e chiedendo delucidazioni preziose a Jasmine e Manuel, coloro che da anni sono gli autori del loro food blog Labna.it

La cucina ebraica è estremamente varia e originale e le regole alimentari formulate nella Bibbia hanno imposto i confini di questa cucina. Esistono diversi divieti, tra cui la carne di maiale e altri tipi di carne.

Il divieto di commistione fra carne e latte, invece,

deriva dal versetto biblico “Non farai cuocere il capretto nel latte di sua madre (Esodo 23, 19)

che i rabbini e i maestri delle tradizione hanno intepretato in senso restrittivo proibendo qualunque contatto tra le due categorie di alimenti carne e latte

La vita ebraica tradizionale è segnata dallo scorrere delle giornate, scandita da tre momenti quotidiani dedicati alla preghiera.

Le feste e le ricorrenze sono infatti momenti di memoria e di celebrazioni ma anche e soprattutto di immedesimazione nella storia.

Shabbat

La celebrazione più solenne e maestosa di tutte è il Sabato, in ebraico Shabbat,

Non bisogna dimenticare infatti, che in ottemperanza al versetto biblico che dice “E fu sera e fu mattino: il primo gorno ” (Genesi 1, 5 ) il giorno ebraico inizia e termina al tramonto.

Per questo il Sabato comincia al tramonto del venerdi.

E’ memoria del riposo divino nel settimo giorno della Creazione (la Bibbia fa iniziare la settimana di Domenica, giorno primo in ebraico),

Il venerdi, gli ebrei osservanti, dopo il tramonto del sole, interrompono  le consuete attività quotidiane perché ha inizio lo Shabbàt; recitando una preghiera, il kiddush, ringraziando Dio di aver creato il mondo e benedicendo il vino e il pane, la Challah precisamente.

E’ un momento di festa che dura fino al tramonto del giorno dopo e durante il quale agli ebrei non è permesso compiere qualsiasi lavoro, qualsiasi opera che venga a modificare l’ordine e lo stato delle cose, quindi per ogni singolo componente della famiglia non è consentito lavorare, ne accendere la luce o la tv, usare l’auto o qualsiasi  altra tecnologia.

Non è consentito nemmeno cucinare.

Stare insieme a tavola è un momento importane, ci si ritrova con tutti i membri della propria famiglia, secondo una tradizione antichissima che risale ai tempi della Bibbia.

Se l’aspetto gastronomico è dunque importante, i piatti dello Shabbàt che costituiscono la cena del venerdì, la colazione e il pranzo del sabato, devono essere cibi che, preparati con anticipo, possano essere ancora più buoni e che possono essere lasciate in caldo su di una piastra elettrica anche 20 ore di seguito.

Ovviamente la piastra deve essere accesa il venerdi sera.

 

Vi presento la mia Challah pane Ebraico 

Una treccia dalla consistenza tipo pan brioche ma molto più soffice.

 

Challah

 


INGREDIENTI:
Per una Challah di 24 cm di diametro e una da 20 cm 
500 gr di farina  (ho usato 380 gr di manitoba e 120 gr di farina 0)
10 gr di sale
25 gr zucchero semolato
9 gr di lievito secco attivo
1 uovo grande
40 ml di olio vegetale
40 gr miele d’acacia
60 ml di acqua tiepida (io ho usato 160 ml di acqua tiepida)
2 cucchiai di miele  diluito con 1 cucchiaio di acqua bollente per lucidare la Challah subito dopo la cottura in forno
 (io ho usato l’ultimo vasetto di miele di sulla con pasta di frutti di bosco che mi era stato regalato da amici ha regalato un profumo alla challah particolare)
PROCEDIMENTO:
Setacciate la farina nella ciotola, aggiungete il sale e mescolate bene.
Aggiungete il lievito e mescolate ancora fino a quando sarà completamente incorporato.
Aggiungete lo zucchero, l’uovo, l’olio e il miele e impastate.
Aggiungete gradualmente l’acqua fino a quando l’impasto è morbido.
Ungete una ciotola con un po’ di olio, formate una palla con l’impasto, ungete leggermente anche l’impasto, coprite con pellicola e lasciate lievitare fino al raddoppio, circa un’ora – un’ora e mezza.

PROCEDIMENTO BIMBY 

Mettete nel bimby il lievito con l’acqua calda 2 min. a vel. 3

Unite la farina, il sale, l’olio e lo zucchero e il miele 4 min. a vel.modalità pastaSPIGA.

Dopo 1 min. inserite, con lame in movimento, l’uovo.

Mettete l’impasto in una ciotola unta con un filo d’olio e lasciate riposare 10 min. coprendo con un panno umido.

Dopo 10 min. lavorate con le mani l’impasto e lasciate riposare per altri 10 min.

Ripetete per almeno 2 volte.

Coprite e lasciate lievitare 1 ora in forno coperto da pellicola con luce accesa (per avere una temperatura costante)

Ora rivestite una teglia con carta forno e ungete i lati.

E’ consigliabile usare uno stampo per ciambella, se non l’avete non preoccupatevi.

Potete usare una semplice tortiera rotonda e mettete in mezzo una mela o una coppa pasta di 5 cm. di diametro.

Dividete l’impasto in 2 parti uguali e stendete ogni parte fino a quando non si raggiunge uno spessore di mezzo cm (o anche meno).

Per fare le rose: utilizzate quattro cerchi di 10-12 cm di diametro e metteteli in fila, uno sopra l’altro, affinché ogni cerchio si sovrapponga a quello sotto di esso.

Rotolate delicatamente sulla superficie di lavoro.

 

PicMonkey Collage

Usando un coltello affilato, tagliate il rotolo a metà.

Posizionate ogni pezzo, con il lato piatto verso il basso nella teglia, lasciando circa 2-3 cm tra loro.

Ripetete i passaggi precedenti per fare piu’ rose possibili in modo da riempire la teglia.

 

PicMonkey step 2
 Coprite con pellicola e lasciate lievitare per 30-40 minuti.
 PicMonkey PRIMA E DOPO LIEVITAZIONE

Nel frattempo scaldate il forno a 180 °C.

Cuocete la Challah in forno per 25 min. fino alla doratura.

Durante la cottura, preparate la glassa: mescolate il miele con l’acqua bollente.

Quando la Challah è cotta spennellatela con la glassa di miele.

Challah

Non avendola mai mangiata ho preferito provare la versione dolce, ma proverò senz’altro anche la versione salata.

Mi ha sorpreso moltissimo per il suo essere soffice e morbido.

Secondo me e’ molto più buono del semplice Pan Brioche

Ogni ospite potrà prendere

una rosa di Challah e farcirla con marmellata o qualsiasi altra crema

Rosa di Challah

 

 

Due piccoli consigli

La Challah richiede l’uso dell’olio quindi diffidate da chi consiglia l’uso del burro o del latte o dello yogurt. Nella tradizione ebraica come spiegato prima non è assolutamente consentito.

Come gia scritto si presta moltissimo sia come dolce che come salato.

 

A voi la scelta, provateci

Alla prossima Selene

Con questa ricetta partecipo a

Re-Cake #10

recake2.0 _1a

 

 

 

Fonti 

Cucina Ebraica  Fabbri Editore 

Food Blog Labna.it

Antipasti, Bimby, Finger Food, Lievitati, Pane

Pane alla Zucca a forma di zucca

Da tempo avevo in mente un pane speciale,

un pane di quelli che appena vedi ti colpiscono per la loro bellezza.

Una sera una cara amica mi fa vedere una foto sul cellulare, lo stesso pane che tempo fa, avevo visto su una rivista.

Mi chiese: Sele seconde te quanto colorante arancio devo usare? Io le risposi che non c’era bisogno di nessun colorante,  è la zucca l’ortaggio autunnale d’eccellenza che regala sicuramente quel colore unico.

Per il procedimento però non avevo ancora trovato la ricetta giusta,

quella che potesse darmi tutti gli spunti, per dire ok ci provo.

Non passano più di 3 giorni e la mitica Enrica di Chiarapassion UNICA IN TUTTO, scrive un post specialissimo con la ricetta  di Gabriele Bonci altra garanzia sulla panificazione!

Non ho più scuse, ci voglio provare!

Per la ricetta ho seguito ogni singola parola, usando però il bimby compresa anche la cottura della zucca.

E’ per me un fortissimo alleato in cucina, mi semplifica ogni preparazione, dai risotti, agli impasti ai dolci.

Spesso con la bimba il tempo a disposizione in cucina è ridotto al minimo indispensabile,  quindi in  6 minuti ci pensa l’azione spiga a impastare energicamente per me 🙂

Questo impasto non contiene acqua, ma solo la purea di zucca già ricca di acqua, che darà la giusta idratazione a questo meraviglioso pane.

Se non avete il bimby, cucinate su una pentola la zucca tagliata a cubetti, con 2 cucchiai di olio, sale q.b., foglie di rosmarino, salvia, origano e timo, o con qualsiasi altra spezia che preferite. Cuocete per circa 10-12 minuti e poi con un mixer frullate tutto fino a ottenere una purea. Fate raffreddare bene. Aggiungete farina e il lievito sbriciolato e iniziate a impastare, fino a quando otterrete un panetto liscio.  Coprite il panetto all’interno di una ciotola coperta con pellicola. Posizionate la ciotola all’interno del forno con luce accesa per aiutare il processo di lievitazione ad una temperatura costante.

Dopo la prima lievitazione con l’aiuto di un comune spago da cucina, imbevuto di abbondante olio, fate 4 giri per creare 8 spicchi, in modo da ottenere  la vera forma della zucca.

Lasciate nuovamente lievitare e poi via direttamente in forno per circa 30 minuti

La vostra cucina profumerà per alcuni giorni, regalandovi quel sapore

in grado di adattarsi perfettamente a qualsiasi farcitura sia dolce che salata.

 

Panini alla Zucca 

Ingredienti

  • 800 g di farina 0 per pane
  • 200 g di farina Manitoba
  • 1,100 Kg di zucca con la buccia da cui ricaverete 700 g di purea di zucca
  • 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • 10 g di lievito di birra fresco
  • 12-15 g di sale
  • spezie preferite (origano, salvia, rosmarino,…)
  • spago da cucina
  • rametti di rosmarino
 
Preparazione
Vari passaggi della preparazione con il bimby
  1. Lavate e tagliate la Zucca a pezzetti piuttosto piccoli inserite tutto nel bimby insieme a 2 cucchiai di olio, sale q.b., foglie di rosmarino, salvia, origano e timo, o con qualsiasi altra spezia che preferite e cuocete 7 min. a 100° antiorario vel. 1.  (vedi foto 1 )
  2. Io ho preferito lasciare gli aromi, per dare un gusto ancora più particolare all’impasto  tritare 15 sec. vel. 7/8. (vedi foto 2)
  3. Fate raffreddare la purea prima di utilizzarla per l’impasto                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Il bimby non riuscirebbe a lavorare l’intera dose per tanto ho fatto                                                                               mezza dose + un’altra mezza dose                                                                                              
  4. Aggiungete quindi 400gr di farina + 100gr di manitoba insieme a  5gr di lievito sbriciolato e la purea di zucca ormai intiepidita. 1 min vel 7 (finchè non si stacca bene dalle pareti)  e  poi 4 min. vel. spiga, dovrete ottenere un panetto morbido e liscio. (vedi foto 3-4)
  5. Mettete l’impasto in una ciotola unta di olio e coprite con pellicola. Fate lievitare nel forno spento con la luce accesa fino a quando triplicherà di volume.(vedi foto 5)
  6. Eseguire di nuovo stesso procedimento per la seconda dose
  7. Quando l’impasto sarà ben lievitato formate il vostro pane, con queste dosi potete formare 2 pagnotte da circa 800 g l’una oppure 12 panini.
  8. Usate dello spago da cucina imbevuto di olio, con cui farete 4 intrecci per così ottenere 8 spicchi.                      (vedi foto 6-7-8-9).
  9.  Mettete le pagnotte sulla carta forno nella teglia,  spennellate con un po’ di olio di oliva e fate lievitare per circa 1 ora coperto con pellicola.
  10. Prima di infornare ricordatevi di adagiare al centro delle pagnotte un rametto di rosmarino e una fogliolina di alloro.
  11. Versate sul fondo del forno un bicchiere d’acqua per sprigionare vapore e dare la giusta umidità durante la cottura.
  12. Infornate in forno caldo a 200° per 30-35 minuti circa fino a quando il pane avrà un bel colore dorato.
  13. Fate raffreddare e poi eliminate lo spago da cucina.             

 

 

Vi stupirà per il suo colore, il suo sapore, la sua morbidezza e la sua leggerezza

sembra una nuvola di pan brioche

   Il pane è pronto da gustare e farcire secondo i vostri gusti sia dolce che salato

 

La mia idea: è stata far trovare a ogni ospite sulla tavola il pane con l’etichetta del proprio nome.

 Se ti fa piacere metti un like alla mia pagina facebook  

così da esser sempre aggiornata !!

Se provi la ricetta usa hashtag  #zuccheroevaligia su  instagram

Entrerai subito a far parte della mia gallery!!

 

Alla prossima ricetta

Selene