Diari di Viaggio ... Noi in giro per il Mondo, Italia, Svizzera

Bernina Express -Trenino Rosso del Bernina- viaggio in famiglia con bimba

image_pdfimage_print

Oggi vogliamo raccontarvi la nostra giornata a bordo del Bernina Express con Rhaetsche Bahn la Ferrovia Retica che da Tirano fino a St.Moritz attraversa ghiacciai e panorami mozzafiato.

Una giornata tutta memorabile, complice il sole e un cielo azzurro indimenticabile.

Questa magnifica linea ferroviaria ultimata nel 1910 attraversa le Alpi per ben 60 km, passando per il passo del Bernina raggiungendo un’altezza di ben 2253 mt. Dal 2008 è Patrimonio Mondiale dell’Unesco.

Un viaggio fantastico non solo per noi adulti, ma anche per la nostra piccola viaggiatrice,

che si è divertita moltissimo ammirando panorami che fin ora non aveva mai visto e libera di correre senza pericoli sulle distese innevate.

 

E’ proprio vero Viaggiare apre la mente e lo spirito ❤

Erano anni che volevamo trascorrere un week end magico, immersi tra le Alpi innevate e paesaggi spettacolari, complice la nostra piccola viaggiatrice (mai salita a bordo di un treno) ci siamo voluti regalare un Week end tra le alte valli tra Italia e Svizzera.

Come organizzare il viaggio

In primis è consigliabile prenotare il biglietto del treno sul Sito della Ferrovia Retica Rhb  scegliere il giorno del viaggio, il numero di persone e la tipologia di carrozza.

Esistono 2 differenti carrozze

  • la linea Regionale Standard con finestrino apribile e splendida vista all’esterno
  • la linea Panoramica con una vista maggiore ma con un prezzo leggermente più alto e soprattutto con finestrino bloccato non apribile.

A nostro giudizio le carrozze di linea Regionale Standard sono le migliori perchè permettono di fotografare all’esterno e vedere le carrozze dietro lungo il giro panoramico.

 

 

E’ possibile alzarsi dal proprio posto per fotografare e far camminare i bimbi, senza nessun problema, il trenino rosso del bernina raggiunge una velocità media di 35 km/h.

All’interno del trenino esiste la toilette ma non un ristorante/bar quindi vi consigliamo di portarvi un pranzo al sacco, acqua succhi di frutta e magari qualche caramella per i bimbi.

Quanto costa un viaggio Tirano –  St.Moritz?

Il prezzo del biglietto con la linea Regionale Standard è di 64 CHF Franchi Svizzeri circa € 53,00 a persona A/R.

I bambini fino a 6 anni non compiuti viaggiano gratis.

Da 6 a 16 anni non compiuti hanno il  50% di sconto.

Se invece volete viaggiare con il BEX Bernina expreess con carrozze Panoramiche, oltre all’acquisto del biglietto normale, serve la prenotazione obbligatoria con supplemento (di 14.00 CHF a persona nell’orario estivo e 10.00 CHF nell’orario invernale).

Quali sono le Fermate del Bernina Express ?

  • Tirano  429 m
  • Campocologno
  • Campascio
  • Brusio Viadotto Circolare di Brusio (fermata su richiesta)
  • Miralago (fermata su richiesta)
  • Le Prese
  • Li Curt (fermata su richiesta)
  • Poschiavo 1014 m
  • Cavaglia (fermata su richiesta)
  • Alp Grum 20191 m
  • Ospizio Bernina 2253 m
  • Bernina Diavolezza    (fermata su richiesta)
  • Morteratssch  (fermata su richiesta)
  • Surovas (fermata su richiesta)
  • Pontetresina  1774 m
  • Celerina Stazione (fermata su richiesta)
  • St Moritz 1775 m

Quale tappe scegliere in una giornata?

E’ difficile dover scegliere, ma visto che esistono dei tempi/orari da rispettare è consigliabile partire informati e scegliere 2/3 tappe prima di raggiungere St Moritz.

Rilassatevi e salite a bordo con noi sul Bernina Express della Ferrovia Retica

Partenza da casa alle 8:45 di sabato mattina direzione Tirano.

In 1 1/2 raggiungiamo la Stazione Ferroviaria Retica per solo 10 minuti perdiamo il primo treno partito alle 10.06, parcheggiamo l’autovettura e ci concediamo una buona colazione.

Alle 11:06 dopo aver obliterato i biglietti saliamo a bordo del Bernina Express.

Inutile raccontarvi la nostra felicità.

Il panorama cambia praticamente di  continuo, si parte attraversando le vie del Centro di Tirano ammirando la maestosa Basilica della Madonna di Tirano.

 

Proseguendo verso Campocologno arrivando fino al Viadotto circolare di Brusio, un’opera di ingegneria pazzesca,  ideata in modo da superare il notevole dislivello del terreno in uno spazio davvero limitato.

Un viadotto circolare di una bellezza unica nel suo genere.

Proseguendo il tragitto raggiugiamo la fermata di Miralago, già dal nome si può immaginare lo scenario verso il lago Poschiavo, una bellezza disarmante.

Il colore dell’acqua verde azzurro cambia a seconda dell’ora della giornata, la valle e le montagne innevato fanno da cornice al panorama davanti ai nostri occhi.

Basta davvero poco, anzi pochissimo tempo che lo scenario davanti ai nostri occhi cambia radicalmente raggiungiamo Cavaglia subito dopo Poschiavo  e siamo letteralmente immersi in un paesaggio da favola.

Tratta Poschiavo – Cavaglia – Alp Grüm

Il panorama dal finestrino è cosi particolare e unico.

Sembra quasi di toccare con una mano le acque del Lago Bianco.

Una diga ad alta quota siamo a circa 2250m ai piedi del ghiacciaio Piz Cambrena da cui riceve acqua pura e chiara che gli dona un colore unico.

 

Il Lago Bianco è un lago artificiale e uno spartiacque. Verso est, l’acqua confluisce nel Mar Nero, a sud nel Mare Adriatico.

 

1° Tappa Ospizio Bernina

La Stazione Ospizio Bernina è situata a 2253 metri sul livello del mare ed è la stazione più alta di tutta la ferrrovia retica.
Questo punto segna il confine tra due culture linguistiche: nella valle meridionale di Valposchiavo si parta italiano mentre a nord, in Engardina si parla il romancio ed il tedesco.


Siamo in pochissimi ad aver scelto questa fermata ma siamo davvero felici di averlo fatto, ci sembra di camminare in un posto incantato.

 

Per non parlare poi della Vallata dell’Ospizio Bernina un paradiso di felicità.

 

Dopo circa 1 ora di libertà in un paesaggio incantato, saliamo nuovamente a bordo del trenino.

2° Tappa Bernina Diavolezza 

Chi decide di scendere al Bernina Diavolezza non è solo amante dello sci e dello snowboard, ma anche un amante del relax.

Decidiamo di salire con la funivia fino a Diavolezza ad un altezza di 2953m.

 

 

Il ristorante Panoramico Bellavista regala una vista imparagonabile sulla catena del Bernina, ideale per fermarsi ad ammirare il paesaggio e mangiare qualcosa.

Infine lei, la meravigliosa vasca idromassaggio esterna posta a circa 3000 mt di altezza: la più alta d’Europa.

Un costume, un’accappotoio le ciabatte e io e Suemi siamo dentro l’acqua.

Il nostro treno direzione St Moritz sta per partire mentre noi siamo ancora a 3000 metri a goderci il panorama in costume. 

 

Dopo un’ora di attesa e di giusto relax, siamo comunque molto felici con il prossimo treno raggiungeremo solo Morteratsch.

3° Tappa Morteratsch 

La Legganda narra che molti anni fa viveva sulla cima della montagna, la Diavolezza, la Bella Diavolezza. Di tanto in tanto veniva scoperta dai cacciatori, che la seguivano innamorati e poi precipitavano nel vuoto. Questo capitò anche al giovane Aratsch, alla morte del quale la Diavolezza grido lamentosamente “mort is Aratsch” cioè “Aratsch è morto”.

Secondo la leggenda fu proprio questo grido a dare il nome al ghiacciaio del Morteratsch.

In solo 20 minuti riusciamo a fare una breve passeggiata vicino la stazione, ammirando i panorami e i ghiacciai.

Ci diversiamo a giocare a palla di neve e a dondolarci sull’altalena nel parco giochi completamente innevato.

Stanchi ma felici, risaliamo a bordo del Bernina Express per far ritorno verso Tirano.

Gli scenari immortalati con la macchina fotografica, rimarrano per sempre il ricordo di una giornata memorabile. 

Auguriamo a tutti voi, di poter vivere almeno una volta nella vita questa meravigliosa esperienza

alla scoperta di paesaggi mozzafiato, imponenti montagne innevate e laghi ghiacciati.

Prossimo Post 

Dove Dormire e mangiare a Tirano –

  Tirano – St Moritz in auto – 

 

Alla Nostra prossima Avventura ^-^

Se ti fa piacere segui la nostra pagina  facebooke   instagramper essere sempre aggiornato

tra CONSIGLI RICETTE E VIAGGI DI SAPORI! 

Zucchero e Valigia

Facebook Comments

You Might Also Like

Previous Story

Lascia un commento